smart city

Oggi ho avuto il piacere di parlare di tecnologia e smart city con i componenti dello studio tecnico Eureka Equipe, al fine di individuare delle sinergie e sviluppare idee per i nostri clienti. Ciò è stato fonte di numerose riflessioni delle quali desidero rendere partecipi i lettori del blog. Il termine smart, dal punto di vista della semiotica, è molto ampio e versatile. Abbinato a city, indica spesso tecnologie digitali per interagire coi cittadini o migliorarne sicurezza o sostenibilità. Quando si pensa a smart city, il pensiero corre a sensori, riduzione di emissioni, regolazione del traffico, big data, illuminazione intelligente, ecc. Coniugando l’edilizia con l’informatica, vedo però ulteriori frontiere, come il miglioramento della partecipazione alla vita politica, lo snellimento della burocrazia, la riconversione di aree industriali dismesse o la riqualificazione di quartieri, oppure voucher digitali o addirittura criptomonete parallele per rilanciare l’economia depressa. Pensando al benessere psicofisico e immaginando un[…]

Continua a leggere …

Criptovalute ed economia reale: utilizzo di dash in situazione di iperinflazione

2018. In Venezuela, in una situazione di iperinflazione, la popolazione, per non perdere potere di acquisto, utilizza criptovalute, in particolare Dash [1]. Perché dash è lungamente preferito a bitcoin ed altre criptovalute? L’utilizzo quotidiano ha fatto emergere l’importanza di caratteristiche che, nel mondo del mining e della speculazione, non potevano essere altrettanto rilevanti. Vediamo queste peculiarità: dash ha tempi di transazione di pochi secondi rispetto ai minuti necessari per una transazione in bitcoin e ciò non è di poco conto dato che, in  situazioni di iperinflazione i prezzi dei beni variano notevolmente anche nell’arco di giorni, e a volte ore o minuti; dash ha anche costi di intermediazione più bassi, pochi centesimi contro i dollari di costo di transazione gravanti sul bitcoin. Per il resto le caratteristiche di dash sono comuni a molte criptovalute: open source; sistema distribuito (e non dunque centralizzato); privacy. Tutto ciò ha portato molti esercizi ad[…]

Continua a leggere …

Il buio oltre il web

Nell’era informatica, il rischio è che il progresso sia solo tecnico, senza progresso morale ed etico. Internet e l’utilizzo di massa delle tecnologie hanno comportato un cambiamento ed una simile fase è caratterizzata da instabilità politica , sociale ed economica. In questo scenario è importante per tutti capire come tecnologie in grado di cambiare il mondo in meglio, siano a rischio di utilizzo distorto con tutte le possibili ripercussioni sociali. Grazie a questo ebook, il lettore scoprirà come avviene la navigazione nel dark web e la creazione di siti nella rete TOR, quali pericoli di controllo sociale sussistano, come avvengano gli attacchi hacker, cosa sia il biohacking,come rendere i propri device più sicuri, quali minacce incombano sulla privacy e tanto altro. In vendita presso tutte le migliori librerie online, tra le quali: Amazon, Google, Mondadori e Macrolibrarsi. Acquistabile anche direttamente dalla casa editrice: Il buio oltre il web Titolo: il buio[…]

Continua a leggere …

Nuovo ebook: Il buio oltre il web

Prossimamente, nelle migliori librerie on line. L’ebook tratta gli aspetti tecnici della navigazione e creazione di siti nel dark web, gli attacchi dei black hat e virus, ma anche i rischi di un utilizzo distorto delle tecnologie, come il controllo sociale, le fake news, face swap, le potenzialità e limiti dell’ e-voting e dell’intelligenza artificiale, nonché i bitcoin nell’economia underground. Nel testo il lettore coglierà consigli per la sicurezza dei propri dati e privacy. Open source e crittografia ci salveranno?  

Continua a leggere …

Come utilizzare la blockchain per ottenere una data certa per un file

Ringrazio il sito guadagnoinrete.com per aver pubblicato un mio articolo, molto tecnico, concernente l’utilizzo della blockchain come alternativa alla marca temporale (time stamp). Oltre a dare data certa ad un file (ebook, contratto, ecc), si potrebbe registrare una frase (max 80 caratteri) sulla blockchain. La traccia sarebbe indelebile. Articolo leggibile al seguente link: Marca temporale: blockchain è l’alternativa    

Continua a leggere …